Biodiversità

Rete di conservazione e sicurezza delle Risorse Genetiche

biodiversità


La Rete di conservazione e sicurezza è un sistema che garantisce il mantenimento in vita delle Risorse Genetiche Vegetali (RGV) a rischio di estinzione, attraverso la circolazione e la diffusione tra i soggetti aderenti alla Rete - senza scopo di lucro, in ambito locale e in modiche quantità - dei loro materiali di riproduzione/moltiplicazione.

Essa è coordinata dalla Unità Operativa Dirigenziale "Tutela della qualità, tracciabilità dei prodotti agricoli e zootecnici, servizi di sviluppo agricolo", competente in materia di tutela e valorizzazione della biodiversità, che ne promuoverà il collegamento con altre reti regionali, nazionali ed internazionali, avvalendosi, a tale scopo, anche della collaborazione dei soggetti che ne fanno parte di diritto.

Fanno parte di diritto della Rete, i Coltivatori custodi iscritti all'Elenco regionale e le Banche del germoplasma accreditate. I soggetti che fanno parte della Rete svolgono ogni attività diretta a mantenere in vita il patrimonio delle RGV a rischio di estinzione attraverso la conservazione ex situ (Banche del germoplasma) ed in situ (Coltivatori custodi) e ad incentivarne la diffusione.

Alla Rete possono aderire anche altri soggetti, di seguito specificati, che intendono contribuire alla diffusione e valorizzazione delle varietà locali a rischio di estinzione iscritte al Repertorio attraverso la conoscenza delle loro caratteristiche culturali/colturali e della loro interazione con i territori di origine e diffusione:

  • agricoltori che conducono aziende, in forma singola o associata, ubicate nel territorio regionale;
  • Comuni, Comunità Montane ed Enti Parco che intendono coltivare le RGV richieste nell'ambito del territorio campano,
  • istituzioni di Ricerca e sperimentazione, Università ed Associazioni senza fini di lucro, che siano ubicate o abbiano almeno una sede operativa sul territorio regionale e che intendano coltivare le RGV richieste nell'ambito del territorio campano.

I soggetti che intendano aderire alla Rete devono presentare una formale richiesta, redatta in forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio, resa ai sensi dell'art.47 del DPR 28.12.2000 n.445, indirizzata alla Unità Operativa Dirigenziale "Tutela della qualità, tracciabilità dei prodotti agricoli e zootecnici, servizi di sviluppo agricolo", utilizzando il modello predisposto dalla stessa struttura amministrativa. I soggetti che fanno parte di diritto della Rete (Banche del germoplasma e Coltivatori custodi) sono esentati dalla presentazione della specifica richiesta di adesione.

La circolazione e la diffusione dei materiali di riproduzione/moltiplicazione delle RGV iscritte al Repertorio regionale avvengono senza fini di lucro. Detti materiali possono essere scambiati tra gli aderenti alla Rete in modiche quantità e in ambito locale.