Servizio Fitosanitario Regionale

Importazione di vegetali da paesi non aderenti alla UE


container

I vegetali e i prodotti vegetali dell'allegato V, parte B, le granelle dell'allegato XXI del D.Lgs. n. 214/2005 e s.m.i. e i vegetali e prodotti vegetali oggetto di misure di emergenza comunitarie, possono essere introdotti in Italia solo a seguito dell'ispezione del Servizio Fitosanitario Regionale presso i punti di ispezione frontaliera (PIF) dell'Unione Europea ed al rilascio del relativo nullaosta.

  • porto di Napoli (punto di entrata presidiato)
  • porto di Salerno (punto di entrata presidiato)
  • aeroporto di Capodichino (punto di entrata aeroportuale operativo su chiamata)
  • porto di Pozzuoli (punto di entrata operativo su chiamata)
  • porto di Torre Annunziata (punto di entrata operativo su chiamata)

Le ditte importatrici, escluse quelle che importano le granelle dell'all. XXI, devono essere iscritte al REGISTRO UFFICIALE DEI PRODUTTORI della regione a cui è destinata la merce.

La ditta importatrice o il suo rappresentante doganale devono versare la TARIFFA FITOSANITARIA secondo la tabella del D.Lgs. n. 214/2005 e s.m.i., allegato XX - parte A ed esibire l'attestazione dell'avvenuto pagamento al SFR al momento della richiesta del nulla-osta.

Il versamento deve essere effettuato:

  • sul conto corrente postale n. 21965181 intestato a "Regione Campania Servizio Tesoreria Napoli Tassa fitosanitaria - Napoli. Cod. Tariffa 1137"
  • tramite bonifico bancario intestato a Regione Campania presso Banco di Napoli - via Forno Vecchio 36, Napoli Cod. IBAN TESORERIA REGIONALE GESTIONE ORDINARIA: IBAN: IT66 E010 1003 4001 0000 0046 252 BIC: IBSPITNAXXX, Causale bonifico: UOD 50.07.07 TARIFFA FITOSANITARIA CODICE 1137 ANNO____

Per inoltrare la RICHIESTA di ISPEZIONE, presso i Punti di Entrata della regione, ai fini del rilascio del nulla osta fitosanitario, si inserisce la stessa nel  sistema informatico regionale collegandosi al sito www.serviziofitosanitariocampania.it.

N.B. I richiedenti devono essere iscritti ed accreditati per l’ingresso al sito.

Per la prima richiesta, è necessario accreditarsi inviando l’apposito modulo: RICHIESTA DI ACCESSO ALL’APPLICAZIONE INFORMATICA PER LA GESTIONE DEI CERTIFICATI FITOSANITARI al seguente indirizzo PEC: uod.500707@pec.regione.campania.it

La documentazione da esibire al Servizio Fitosanitario Regionale è la seguente:

  1. CERTIFICATO FITOSANITARIO ORIGINALE, emesso dal competente Servizio del paese di origine, redatto almeno in una delle lingue ufficiali della UE, datato non oltre 14 giorni prima della partenza dal paese di origine, completo di tutte le voci, privo di correzioni, aggiunte o cancellature che non siano state vidimate dall'autorità che lo ha rilasciato.
  2. attestazione originale del versamento della TARIFFA FITOSANITARIA;
  3. copia della lettera di vettura o altro DOCUMENTO DI TRASPORTO;
  4. copia della FATTURA;
  5. copia del certificato di iscrizione al RUP se prima importazione, escluso per l'importazione delle granelle dell'allegato XXI;
  6. eventuale altra documentazione (es. dichiarazione di equivalenza per i materiali di moltiplicazione delle specie ornamentali o nulla osta regionali per l'importazione di sementi).

Gli Ispettori fitosanitari effettuano i controlli previsti, dividendo l’ispezione in tre parti fondamentali:

  • Controlli documentali: verifica della rispondenza e della congruità della documentazione che accompagna la merce (Certificato fitosanitario, polizza di carico, fattura, ecc.) e dell'avvenuto pagamento della tariffa ;
  • Controlli d’identità: verifica la corrispondenza di quanto dichiarato nella documentazione che accompagna la merce con il contenuto della spedizione (tipo di vegetale o prodotto vegetale, cv. indicata sulle eventuali etichette, ecc.)
  • Controlli fisici: verifica lo stato fitosanitario della merce, prelevando il campione necessario, dettato di volta in volta da parametri predefiniti (Standard ISPM FAO 31 o Decisioni della Commissione UE) ed osservando la merce, anche con l’ausilio di strumenti adatti (Binoculare, lenti di ingrandimento).

Se la merce è conforme alle condizioni previste dal D. Lgs. 214/2005 e ss.mm.ii. si rilascia il Nulla Osta. In seguito i vegetali possono essere avviati alla dogana per gli ulteriori adempimenti previsti per la libera pratica.

Nel caso di vegetali accompagnati dal passaporto UE, il Nulla Osta è rilasciato in duplice copia: una per la dogana e l'altra in sostituzione del passaporto fino al primo punto di destinazione della merce. Oltre al nulla-osta l'ispettore responsabile del controllo rilascia il certificato di esportazione originale dopo averlo timbrato.

Per i vegetali e prodotti vegetali non facenti parte dell’elenco dell’all. V parte B (Dlgs. 214/05 e ss.mm.ii.) o di altre Decisioni Comunitarie, in arrivo ai porti di Napoli e Salerno ed all’aeroporto di Capodichino, la ditta importatrice o il suo rappresentante doganale devono comunicare 48 ore prima l'importazione della merce con i seguenti dati:

  • Nome, cognome, indirizzo e/o ragione sociale importatore;
  • Tipologia di vegetali quantità e paese terzo di provenienza;
  • Eventuale documentazione accompagnatoria;
  • Nave o volo di arrivo, ora e giorno previsti;

Per email a: servizio.fitosanitario@regione.campania.it ; fitosanitario.salerno@regione.campania.it;

L'art. 54 D. Lgs. n. 214/2005 e s.m.i. prevede sanzioni per il mancato rispetto delle norme in materia di importazione stabilite dallo stesso decreto.

Porto ed Aeroporto di Napoli

Ispettore fitosanitario dott. agr. Eduardo UCCIERO 081/7967238. eduardo.ucciero@regione.campania.it

Ispettore fitosanitario p.a. Elio MINUCCI 081/19370874. elio.minucci@regione.campania.it

Porto di Salerno

Ispettore fitosanitario dott. agr. Giuseppe Consalvo 089/2589122 giuseppe.consalvo@regione.campania.it